099 7762635

Scooter per disabili o ricreativo?

Scooter per disabili o scooter ricreativo?

Riacquistare l'indipendenza è un obbiettivo importante e per molti significa vivere una bella vita. La sfida può sorgere a causa d'interventi chirurgici recenti, lesioni croniche, invecchiamento o disabilità di lungo termine. Esplora la differenza tra uno scooter ricreativo e un dispositivo medico per fare la scelta migliore secondo il tuo stile di vita.

SOMMARIO

1 Cosa sono gli scooter per disabili? La storia

2 Lo scooter oggi

3 Scooter ricreativi

4 Scooter per anziani e disabili

5 Com’è fatto uno scooter?

6 Dove si può usare?

7 Scooter elettrico per anziani e disabili: la scelta. Quale acquistare?

Vediamo perché oggi possiamo distinguere tra scooter per disabili o scooter ricreativo.

1. Cosa sono gli scooter per disabili? La storia

Il primo scooter di mobilità fu introdotto nel 1954 e fu costruito da Sears partendo da una sedia a rotelle elettrica, ma in più aveva in comune con lo scooter di mobilità, che oggi conosciamo, il suo grande sedile, la capacità extra large della batteria e un design a tre ruote.

Erano perfetti per utenti che avevano qualche difficoltà a camminare e ad andare in giro, ma che conservavano una buona mobilità personale. Sebbene queste unità fossero più comode di una sedia a rotelle manuale, non ottennero n grande successo commerciale.

Il primo “vero” veicolo per la mobilità personale nacque però nel 1968.

L’idraulico Allan R. Thieme inventò il primo scooter elettrico al mondo, frustrato dalle opzioni di mobilità disponibili per un membro della famiglia affetto da sclerosi multipla.

Secondo un articolo di Timeline, Thieme passò la notte a costruire nel suo garage a Bridgeport, Michigan. Il prodotto finale – un piccolo scooter giallo capace di viaggiare a 3-4 miglia all’ora – fu affettuosamente chiamato The Amigo”.

2. Lo scooter oggi

Le caratteristiche che concorrono a individuare uno scooter per disabili nel mare magnum veicoli elettrici definiti in modo estensivo scooter presenti sul mercato sono essenzialmente due.Vogliamo pertanto dividere questo insieme in due categorie:ricreativi e per anziani e disabili.

3. Scooter ricreativi

Questi includono veicoli che non hanno posto a sedere:  Monopattini elettrici, Segway, Hoverboard, Monowheel e altri mezzi elettrici per la mobilità personale;

4. Scooter per anziani e disabili

Sono ausili medici o dispositivi medici di ausilio alla mobilità, certificati come tali e regolarmente iscritti nell’elenco dei dispositivi medici tenuto dal Ministero della Salute. 
Va dunque chiarito cosa si intende per ausili medici.

 E’ necessario che la ditta costruttrice dichiari che il prodotto è costruito secondo le norme comunitarie vigenti. Nello specifico, le dichiarazioni del costruttore dovrebbero attestare che il mezzo è stato concepito per persone con difficoltà di deambulazione e persone con incapacità di deambulazione che fisicamente e mentalmente sono in grado di guidare un veicolo elettrico, e che lo stesso è stato prodotto in conformità alle norme europee (es. EN 12 184).  Meglio se il veicolo è stato sottoposto con successo a verifiche relative alla sua sicurezza secondo norme tedesche e internazionali. I regolamenti europei rendono sempre più centrali le attività di vigilanza e sorveglianza post market dei dispositivi medici. La dispositivo-vigilanza è infatti uno degli aspetti più rilevanti dei nuovi regolamenti europei 745/2017 (MDR) e 746/2017 (IVDR), dedicati ai dispositivi medici (MD). Quando la banca dati europea, EUDAMED, sarà attiva le attività di vigilanza rivestiranno un ruolo ancora più centrale. Sarà infatti possibile condividere e consultare tutte le informazioni legate alla vigilanza dei dispositivi medici commercializzati in Europa in un’unica piattaforma. Questo consentirà in parte anche di assolvere all’obiettivo di trasparenza posto dai nuovi regolamenti.

Per quanto banale questa distinzione circoscrive e al contempo limita la destinazione d’uso desiderata dall’utente del veicolo scooter.

Essendo ausili medici, questi mezzi non sono propriamente “veicoli”. Infatti, l’art. 46 del Codice della Strada dice:

“1. Ai fini delle norme del presente codice, si intendono per veicoli tutte le macchine di qualsiasi specie, che circolano sulle strade guidate dall’uomo. Non rientrano nella definizione di veicolo:
a) le macchine per uso di bambini, le cui caratteristiche non superano i limiti stabiliti dal regolamento;
b) le macchine per uso di invalidi, rientranti tra gli ausili medici secondo le vigenti disposizioni comunitarie, anche se asservite da motore.”

5. Com'è fatto uno scooter?

Uno scooter per disabili in generale, si connota per le  seguenti caratteristiche estetiche e funzionali macro: ha tre o più ruote, pedane/pianale e manubrio, il sedile può essere progettato per essere girevole,  è di solito alimentato a batteria ed è dotato di un timone che fornisce la regolazione di velocità, infine deve essere dotato di controlli d’illuminazione e segnali di svolta. Gli utenti possono marciare andare avanti e indietro tramite palette per il pollice facilmente accessibili, i comandi per le dita o un interruttore.

6. Dove si può usare?

Uno scooter elettrico per disabili (AUSL o anche no) può circolare su strada secondo le norme vigenti – leggasi Codice della Strada (D.Lgs. 285/1992 e s.m.i.).

Poiché il Codice della Strada definisce le carrozzine elettriche e gli scooter per disabili NON veicoli, ne deriva che a questi è consentito circolare nelle zone riservate ai pedoni.  Il Codice della Strada regolamenta il Comportamento dei pedoni all’articolo 190; di particolare interesse per la questione, il punto 7:

Le macchine per uso di bambini o di persone invalide, anche se asservite da motore, con le limitazioni di cui all’articolo 46, possono circolare sulle parti della strada riservate ai pedoni, secondo le modalità stabilite dagli enti proprietari delle strade ai sensi degli articoli 6 e 7. (1)

Cos’è la strada?

Il Codice della Strada, all’articolo 2, dice che “…si definisce «strada» l’area a uso pubblico destinata alla circolazione dei pedoni, dei veicoli e degli animali.” Quindi, la strada non è solo la carreggiata, cioè lo spazio dedicato al passaggio dei “carri”, oggi sostituiti da auto e camion, ma anche tutto il resto, marciapiedi e piste ciclabili inclusi.

Vogliamo capire se uno scooter per anziani senza patente può circolare su strada e, se sì, su quali parti della strada senza correre il rischio d’incappare in una multa.

L’art. 190 comma 7 del Codice della Strada dice che “…le macchine per uso di bambini o di persone invalide, anche se asservite da motore, con le limitazioni di cui all’articolo 46, possono circolare sulle parti della strada riservate ai pedoni, secondo le modalità stabilite dagli enti proprietari delle strade ai sensi degli articoli 6 e 7.”

In altre parole, i mezzi Carrozzine elettroniche e  Scooter in qualità di dispositivo medico, (per il cui acquisto è prevista una detrazione nella dichiarazione di redditi per il 19% del valore di acquisto) sono assimilabili a pedoni e quindi possono circolare per strada ma devono seguire le regole che riguardano questa categoria di utilizzatori.

Infine ricordiamo che velocità massima consentita a questi ausili è di 15km/h.

7. Scooter elettrico per anziani e disabili: la scelta. Quale acquistare?

La scelta di quale scooter elettrico per anziani e disabili acquistare dipende da più fattori.
Sono tutti validi e da prendere in considerazione prima di effettuare tale esborso economico.
Il motivo è facilmente spiegabile. Infatti questi mezzi sono realizzati per persone con problemi deambulatori e non solo, perciò le caratteristiche e i requisiti richiesti variano in base alla percentuale di disabilità o dell’area con mobilità ridotta.

I disturbi della deambulazione possono provenire da testa, piedi, gambe o midollo spinale e ogni persona ha uno specifico ausilio preferibile da utilizzare a seconda della patologia.
I prezzi degli scooter elettrici per persone a ridotta capacità motoria variano a seconda del modello, delle caratteristiche, degli optional e personalizzazioni, quindi anche la disponibilità economica è un motivo di scelta tra i vari modelli presenti sul mercato.

Scooter a quattro ruote full-size

In condizioni in cui si necessita di grande stabilità e sicurezza operativa massima in ogni situazione è generalmente consigliato l’utilizzo di scooter elettrici a quattro ruote dalle dimensioni più compatte.

Mescolando ergonomia e tecnologia all’avanguardia, gli scooter ricreativi a quattro ruote possono essere pesanti. Bilanciano la mobilità e la comodità di manovra all’interno e all’esterno.

I vantaggi di uno scooter a 4 ruote rispetto ad uno a 3 ruote sono:

  • Maggiore stabilità durante la guida
  • Maggiore sicurezza
  • Più adatto per muoversi in strada o più in generale all’esterno

Purtroppo ci sono anche degli svantaggi, per questo prima di scegliere il modello da acquistare devi valutare attentamente quali sono i tuoi bisogni.

Svantaggi:

  • Le manovre sono più complesse
  • Più scomodo se utilizzato in casa

Scooter da viaggio a quattro ruote

Leggeri per un facile trasporto, gli scooter da viaggio a quattro ruote sono anche compatti per essere piegati più facilmente. La maggior parte è dotata di un profondo cuscino di seduta e di braccioli regolabili per un comfort ottimale.

Scooter pieghevoli per la mobilità

I viaggiatori attivi si rallegreranno di un trasporto più accessibile. Lo smontaggio è facile e veloce. Gli scooter pieghevoli sono progettati per risparmiare spazio, hanno una generosa capacità di peso e raggiungono velocità massime di quattro miglia all’ora.

Scooter All terrain

Non affrontare mai più un ostacolo durante il viaggio. Queste unità robuste offrono una adattabilità di guida impressionante e un design ergonomico e rendono un viaggio un’avventura eccellente.

Sia che si utilizzi uno scooter per disabili o uno per il tempo libero, gli utenti possono riconquistare in modo sicuro la loro indipendenza utilizzando prodotti certificati per l’impiego desiderato.

Scooter Bariatrici – Heavy duty

Queste unità sono decisamente più robuste, sono certificate con una portata fino a 160 Kg, offrono una adattabilità di guida impressionante e un design ergonomico e rendono un viaggio un’avventura eccellente.

 

Abbiamo illustrato le principali motivazioni per le quali oggi è bene informarsi meglio e distinguere tra scooter per disabili o scooter ricreativo. In caso vogliate approfondire e condividere la vostra esperienza fatelo nel nostro forum:

Condividilo sui social

domenica
Ottobre 2, 2022

Ricevi gli ultimi aggiornamenti

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Niente spam, notifiche solo su nuovi prodotti, aggiornamenti.

I più popolari

Principali

Messaggi correlati

Segui gli ultimi aggiornamenti

let’s do it together

Iscriviti alla newsletter mensile

Filo diretto con
Orthopedic Service

Orthopedic Service è sempre a disposizione per i suoi clienti business! Contattaci per qualunque necessità, anche senza impegno. Saremo lieti di esserti utile e di guidarti nella scelta fra l’ampia gamma dei nostri prodotti.

Telefono

Il nostro indirizzo

via Pietro bianchi 29/a
74122 Taranto

SCRIVICI DUE RIGHE

Raccontaci la tua esperienza

Aiuta anche gli altri a conoscere alcune soluzioni che hanno migliorato la tua vita.

 

Sentiti libero/a di allegare altri dettagli. Allega una foto o un video di te che fai qualcosa di divertente o avventuroso con il tuo prodotto Orthopedic e compila il modulo della liberatoria.

Attenzione

Prima d'inviare la tua richiesta, ricordati di allegare la liberatoria firmata, disponibile cliccando qui, e di allegare le immagini/video che vorrai condividere con noi.




Logo OS

Via Pietro Bianchi 29/a - 74122 Taranto

Telefono: +39 099 776 2635

Assistenza

RICEVI SUPPORTO TECNICO SPECIALISTICO A DISTANZA

Per segnalare eventuali malfunzionamenti, richiedi  assistenza tecnica post vendita oppure supporto tecnico specialistico a distanza da OS.
Ti invitiamo a compilare il seguente form:


Logo OS

Via Pietro Bianchi 29/a - 74122 Taranto

Telefono: +39 099 776 2635

Explore
Drag